Disabilità visiva

Emianopsia laterale omonima: ecco le problematiche

Emianopsia laterale omonima

La perdita di metà del campo visivo può comportare una serie di difficoltà nella vita di tutti i giorni. Scopriamo insieme cosa comporta l’emianopsia laterale omonima

Adesso che abbiamo una maggiore familiarità con questa sintomatologia che abbiamo iniziato ad approfondire nel nostro articolo “3 concetti per comprendere meglio l’emianopsia” in cui sono state affrontate le dinamiche funzionali della corteccia visiva e le possibili lesioni che possono generare, cerchiamo di andare a dare una panoramica sulle problematiche dell’emianopsia laterale omonima, come ad esempio la difficoltà a leggere, che possiamo riscontrare nella vita di tutti i giorni.

Durante questo excursus, volto a empatizzare con il soggetto emianoptico, ci concentreremo sull’emianopsia omonima (per scoprire tutte le tipologie di emianopsia leggi il nostro approfondimento: “4 principali tipi di emianopsia e come distinguerli”.

Le principali problematiche scaturite da questo deficit riguardano 3 aree:

  • Lettura.
  • Guida.
  • Movimento.

Ecco un breve video di Steve Jacques in cui vene data un’idea di ciò che sta dietro al deficit.

Emianopsia laterale omonima: porzioni di campo visivo.

Le problematiche dell’emianopsia laterale omonima: difficoltà nella lettura

Fra le tante difficoltà e problematiche che un soggetto emianoptico omonimo deve affrontare e gestire nella vita del quotidiano, salta subito all’occhio un forte rallentamento nel processo lettura. Durante questa attività l’occhio compie una serie di piccoli movimenti per passare da una parola all’altra, il sussistere di questo deficit visivo rende la lettura lenta e frustrante. In particolar modo possiamo assistere a due problematiche differenti a seconda che il soggetto abbia un’emianopsia omonima destra o sinistra:

  • Emianopsia omonima destra: nel caso in cui il punto cieco del soggetto risieda nel campo visivo destro il problema in cui si incorre va a inficiare una lettura veloce e scorrevole. In questo caso il soggetto è impossibilitato dal vedere le parole successive della solita riga.
  • Emianopsia omonima sinistra: nel caso in cui il punto cieco risieda invece nel campo visivo sinistro, proprio a causa della nostra dinamica di lettura che va da sinistra a destra, la difficoltà del soggetto consiste nell’individuare l’inizio della frase nel processo di andare a capo.

Esercizi riabilitativi per la lettura

Un possibile trattamento per questa problematica dell’emianopsia laterale omonima consiste nell’utilizzo di un righello, strumento che aiuta il soggetto a dirigere il proprio sguardo sulla linea di testo giusta, lavorando contemporaneamente con l’intento di estendere la portata dei piccoli movimenti oculari mentre passiamo da una linea di testo all’altra.

Anche in questo caso troviamo due metodi di lettura differenti a seconda del tipo di emianopsia omonima che andiamo a trattare:

  • Il soggetto emianoptico destro dovrebbe posizionare il testo verso il basso.
  • Il soggetto emianoptico sinistro dovrebbe invece posizionare il testo verso l’alto, avendo in questo modo un controllo visivo sulla linea successiva.

Le problematiche dell’emianopsia laterale omonima: difficoltà a guidare

Altra problematica risiede nelle difficoltà che si possono incontrare nella guida, attività che, nel suo svolgimento, richiede la massima attenzione. Chiunque soffra di questa sintomatologia potrà incorrere nella difficoltà di veder sopraggiungere altre macchine durante il cambio di corsia; va da sé che a costituire un’altra grande difficoltà è l’incapacità di avvistare pedoni o animali situati ai lati della strada. Tutte queste problematiche possono comportare la perdita di idoneità alla guida.

Difficoltà di movimento

Ovviamente le difficoltà a cui il paziente emianoptico va incontro abbracciano tutte le dinamiche del quotidiano, spaziando dall’incapacità di vedere alcuni oggetti sulla propria scrivania fino ad arrivare all’impossibilità di praticare sport (basti pensare a qualsiasi sport di squadra: avversari e compagni nei punti ciechi vengono totalmente esclusi dalla visione del soggetto). Le difficoltà di movimento riguardano, ovviamente, anche la semplice azione di camminare, per questo è consigliabile avere un accompagnatore.

Problemi psicologici

A tutte queste disfunzionalità, derivanti dall’emianopsia laterale omonima, vanno generalmente a sommarsi alcune problematiche psicologiche che colpiscono il soggetto: la perdita della propria indipendenza, la frustrazione generata da questa nuova condizione e le mancate opportunità sia lavorative che personali vanno inevitabilmente a intaccare il morale del soggetto, il quale può diventare più sensibile alla depressione.


Simone Manciulli
Copywriter settore medicale.

Vuoi sapere di più sui trattamenti per emianopsia?